Castello di Spessa – un gioiello nel cuore del Collio goriziano

Le belle giornate soleggiate d’inverno sono perfette per far visita alle aziende vitivinicole del Friuli, ancor di più se hanno sede presso un castello!

In tale periodo l’attività è ridotta perchè il vino è a riposo nelle botti e ci si rivolge alle piante di vite per la potatura a secco.

Ed è così che abbiamo colto l’occasione per fare visita al Castello di Spessa nel comune di Capriva del Friuli (GO) che accoglie gli ospiti in un’edificio del 1200 ed offre un eccezionale panorama sui vigneti, il campo da golf, le strutture ricettive limitrofe, le Alpi Giulie a nord e la presenza del mare a sud.

Per iniziare ad assaporare l’atmosfera del luogo ci siamo recati presso le vigne di proprietà dell’azienda facendo una piacevole camminata. Un tiepido sole ha mitigato la temperatura resa rigida dalla presenza della Bora, il vento caratteristico di queste zone che proviene dalle zone artiche e che a Trieste raggiunge i 150-160 km/h.

I vigneti visitati sono chiamati “Vigna dei 3 Pinot” in quanto sono presenti piante di Pinot Bianco, Grigio e Nero che contribuiranno alla produzione dei molti vini che assaporeremo in seguito. Seguendo questo pensiero ci siamo incamminati per raggiungere la parte più importante di ogni azienda vitivinicola: la cantina!
Ed in questo caso la cantina è un esempio di bellezza ed ambiente adatto in quanto è costituita da due livelli: il primo è stato scavato in epoca medievale per la produzione del vino mentre il secondo livello, a 18 metri sotto terra, è stato scavato dall’esercito italiano nel 1939 con funzioni di bunker militare.
Vi si accede grazie ad una lunga e ripida scalinata affiancata da un “tapis roulant” che facilita la movimentazione di bottiglie e uva.
Gli ambienti sono ampi e suggestivi dove trovano posto le bottiglie prodotte dall’azienda e le botti dove invecchia il vino. Abbiamo potuto vedere in anteprima la Ribolla Gialla prodotta con il Metodo Classico che sarà immessa sul mercato presubilmente nel corso del 2019.
La voglia di provare i vini era molta e siamo quindi stati accompagnati nella sala degustazione dove ci attendevano ben 5 vini dalla linea D.O.C. Collio (l’azienda dispone anche di vini D.O.C. Isonzo)

La degustazione è stata guidata dal Sommelier che ha presentato 3 vini bianchi e 2 rossi: Ribolla Gialla spumantizzata (Pertè), Friulano (Collio DOC Friulano), Pinot Bianco (Santarosa), Pinot Nero (Grand) ed infine Merlot (Rosaris). Abbiamo apprezzato soprattutto la freschezza, i profumi e la bevibilità.

Per smaltire le calorie abbiamo approfittato del giardino del castello e dei suoi viali ed abbiamo potuto godere di una vista meravigliosa a 360° sul panorama circostante.
Il Collio goriziano offre sempre occasione per rilassarsi e scoprire luoghi dove assaporare l’accoglienza che offre il Friuli.

 


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.