Venzone – il paese medievale ricostruito

C’è un paese in Friuli che più di altri è simbolo di rinascita.
Il paese di Venzone, situato nella zona pedemontata a nord di Udine lungo l’antica via romana “Julia Augusta”, venne duramente colpito dal terremoto del 1976 (a questo link trovate la registrazione dal vivo del terremoto) che lo rase al suolo.

In seguito gli edifici ed il Duomo vennero interamente ricostruiti con un enorme lavoro di restauro che riportò il paese all’aspetto originario. Tutt’ora sono visibili lungo le vie ed i vicoli i numeri di catalogazione di alcune delle pietre che formano la cinta muraria o il Duomo.

Ed è così che oggigiorno possiamo visitare ed ammirare un meraviglioso esempio di città medievale fortificata del ‘200 al cui interno sono custodite diverse curiosità.

Venzone è facilmente raggiungibile in auto (strada statale 13 “Pontebbana” Udine-Tarvisio o autostrada A23 – uscita Gemona), in corriera o in treno (stazione Venzone).
In prossimità delle mura c’è la possibilità di parcheggiare l’auto (oppure scesi dal treno alla stazione di Venzone si cammina per circa 300 metri) e possiamo assaporare già dall’esterno la bellezza del luogo, sia che si tratti delle mura e degli edifici di Venzone sia della vista delle Alpi Giulie.
Una volta passata la cinta muraria avventuriamoci tra le stradine e dirigiamoci verso la piazza principale del paese dove sorge il palazzo comunale. Sotto la loggia c’è un interessante raccolta fotografica che testimonia l’effetto del terremoto del 1976 sulla zona.
Da questa piazza imbocchiamo via Mistruzzi; a metà via, al civico 4, potete trovare il museo Tiere Motus che ripercorre la storia del terremoto in Friuli (biglietti interi 5 euro, ridotti 4 euro). Dal medesimo cortile interno si può accedere al Museo della terra di Venzone (museo di scienze naturali) ad ingresso gratuito con interessanti plastici che illustrano la fauna e la flora ed una vasta rassegna micologica.
Usciti dal museo torniamo sui nostri passi ed attraversiamo la piazza lungo via Glizoio di Mels. Dopo pochi passi possiamo fermarci da “Ce cal conte” (tradotto dal friulano “Quello che conta”). Il negozio dell’artigiana Elena Pittino offre oggetti unici fatti a mano: portachiavi, anelli ed orecchini, targhe e portafoto decorati con animali, personaggi di fiabe, proverbi in lingua friulana e occasionalmente con soggetti a tema quali zucche, fantasmi, gatti neri per Halloween.
Usciti dal negozio proseguiamo a destra e raggiungiamo il Duomo e la Cappella di S.Michele nella cui cripta si può visitare una particolare esposizione: nel XVII secolo venne rinvenuto all’interno del Duomo un corpo mummificato (il Gobbo) a cui successivamente si aggiunsero una quarantina di ulteriori corpi. Tali mummie produssero un forte interesse in tutta Europa (persino Napoleone volle farvi visita) ed alcune di queste vennero inviate presso l’università di Padova, il museo di Vienna e presso la Chiesa degli Invalidi a Parigi. Delle mummie che rimasero a Venzone alcune andarono perse durante il terremoto e ne rimasero 15; di queste 5 sono esposte attualmente. Per accedere all’esposizione si deve acquistare un gettone in vendita presso le attività commerciali di Venzone.

Venzone fa parte dei Borghi più belli d’Italia e ad aprile 2017 è stato votato quale Borgo più bello d’Italia.

Eventi a Venzone

Il quarto fine settimana di ottobre si svolge la Festa della Zucca. La manifestazione è arrivata alla 25a edizione e si svolge lungo le vie del paese dove si esibiscono diversi gruppi di rievocazione medievale con dimostrazioni di antichi mestieri (ed oggetti acquistabili direttamente in loco), gruppi musicali, giocolieri e mangiafuoco. Sono presenti molti banchetti che vendono cibo a base di zucca (prezzi e qualità buoni) e diverse taverne per pasti caldi.

La festa è molto apprezzata dal pubblico e per tale motivo è facile trovare code di automobili in prossimità di Venzone. Si consiglia pertanto di parcheggiare presso le aree predisposte per l’occasione servite da navette gratuite che vi porteranno presso l’ingresso oppure utilizzare i treni speciali da Udine.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.